Le vie del Signore sono infinite

Beh, il titolo potrebbe ingannare ma non vuole essere un post a connotazione religiosa, anzi.

Raramente mi metto a tirare le somme dell’anno passato e sicuramente non mi metto a farlo a caldo mentre alcuni eventi, che potrebbero coprire parte dell’anno successivo, non sono ancora sedimentati.

Il 2017 è stato un anno importantissimo, per me è partito il 5 dicembre 2016, ma alcune notizie hanno anticipato l’annuncio del suo arrivo anche prima.

Mi sono trovato con amici in meno e con amici in più, lotte lavorative, spauracchi di tribunali per aver fatto valere le proprie ragioni su un contratto firmato da ambo le parti, gente che si è offesa solo perché non regali il tuo tempo lavorativo, gente invece che si è avvicinata molto a me, sia professionalmente che personalmente.

Si è concausa un’amicizia per  certi versi molto importante (ma quale amicizia non è importante), ma che stava diventando soffocante, e d’altro canto, c’è stata un’evoluzione in meglio del rapporto con i miei genitori. All’alba dei miei 36 anni e dei loro 70 + o -, c’è stata un’evoluzione da un rapporto sempre amorevole ma spesso conflittuale.

A breve accompagnerò mio padre, lui che non ha chiesto quasi mai niente, in una camminata che sente molto e che sono contento che lui abbia deciso di condividere con me.

Il 2017 è stato l’anno in cui mi ha mostrato che è vero che assomiglio molto caratterialmente a mia madre, ma che ho preso tantissimo anche da mio padre, e questo si vede molto in ambito lavorativo.

Ogni evento potenzialmente brutto di questo 2017 mi ha portato a fare nuove conoscenze, a vedere il mondo in maniera diversa e ad avere una maggior consapevolezza di me stesso. Che sia l’anno della maturità? Questo non posso ancora saperlo, penso che dovrò aspettare ancora molto per averne un’idea perché i fatti devono sedimentarsi e devo ancora ricomporre alcuni cocci di situazioni molto importanti che non possono non essere aggiustate.

E’ stato buffo sentirmi addosso questo detto che, più che di tipo religioso vedo come un detto di grande saggezza popolare, sorto in un contesto dove tutti sono sempre stati educati alla religione e morale cristiana.

E’ la seconda volta che mi capita nella mia vita e la mia resilienza mi ha portato a uscire con un sorriso da un anno che avrebbe potuto lasciarmi prostrato a terra a piangermi addosso nonostante sia successa una cosa meravigliosa nella mia vita. E’ stata dura, è stato un anno duro, ma come disse la persona più importante fuori dalla mia famiglia:”Mattia, tu hai l’atteggiamento di un crociato, ma ti manca l’armatura, fino a che non ti sarai fatto l’armatura, soffrirai molto.” Che avesse proprio ragione lui?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.